Ho terminato il mio libro. E ora?

Scrivere un romanzo è una vera e propria impresa.

Non un’esagerazione, fidatevi. Immaginate soltanto quante energie e quanto impegno sono necessari per ideare una storia interessante, con personaggi profondi e accattivanti, e darle poi una forma limpida e ben articolata. E non è finita qui! Una volta conclusa la stesura della trama, serve procedere verso lo step successivo: la correzione. Emendare un romanzo nella sua interezza richiede un ulteriore lavoro di fino, da svolgere con precisione e attenzione. Per essere seguito in questo delicato processo, l’autore può rivolgersi a figure esperte come l’editor o il correttore di bozze. Questi ultimi offrono i loro servizi editoriali al richiedente, incidendo sullo scritto al fine di correggere le imperfezioni sintattiche, stilistiche e semantiche. L’autore può anche decidere di intraprendere questa impresa da solo, in base alle sue capacità e al tempo che ha a disposizione.

Come rivolgersi alle case editrici?

Per poter contemplare il proprio romanzo sugli scaffali delle librerie, si hanno due opzioni: auto pubblicarsi con i propri fondi o contattare una casa editrice. Nel caso si fosse deciso di affidarsi ad una di queste, soprattutto se si è esordienti, è bene volare basso. Essere pubblicati da nomi come Feltrinelli, Mondadori etc non è facile al primo colpo. Conviene invece passare in rassegna case editrici che si confanno al tipo di manoscritto che si è prodotto. Esistono infatti collane particolari i quali libri ruotano intorno ad una tematica principale comune. Se il libro proposto tratta di determinati argomenti, lo accoglieranno con più probabilità.

Quando ci si rivolge ad un editore, è fondamentale essere umili. Nella lettera di presentazione, conviene evitare di lodarsi o elogiare la propria opera, ma essere piuttosto gentili e posati, cordiali al punto giusto, senza strafare. È bene includere nella missiva, oltre che la sinossi del romanzo, una nota biografica e magari la motivazione per cui ci si è rivolti proprio alla casa editrice a cui si scrive.

Come fare conoscere il proprio libro?

Una volta pubblicato, il proprio manoscritto avrà bisogno di una efficace presentazione al pubblico di lettori. Come poter fare arrivare il romanzo il più lontano, facendolo conoscere a più persone possibile?

Innanzitutto, può essere una buona idea sponsorizzare il proprio libro tra conoscenti, amici e parenti. Magari l’amico di un amico potrebbe farvi conoscere qualcuno di importante in campo letterario, in grado di fungere da cassa di risonanza per l’opera.

In secondo luogo, potrebbe essere utile presentare il testo mediante i social. Facebook e Instagram, soprattutto, sono una discreta rampa di lancio per far decollare la notizia. Al momento di creare il post, aggiungete ad una breve trama la foto della copertina del libro, in modo da permettere di visualizzare il prodotto ai possibili interessati.

Altra idea da poter mettere in pratica è quella di organizzare una presentazione pubblica del romanzo.

Come organizzare una presentazione?

Le presentazioni sono un’arma a doppio taglio. Sono poco redditizie, di solito, e dipendono da un numero di variabili decisamente alto. Ad esempio, il numero di persone che verranno, il dove organizzare l’evento, quanto sarà valevole il relatore. In più, è bene che a questi ritrovi si portino un certo numero di copie cartacee del libro. Insomma, è una notevole spesa e la possibilità che possa fallire come iniziativa è dietro l’angolo.

Ecco qualche consiglio per rendere la presentazione del libro un successo:

  • Il luogo deve essere adatto, tranquillo e confortevole. Il pubblico dovrà sentirsi a proprio agio ed essere propenso all’ascolto.
  • È necessario poter contare su un relatore affidabile e disponibile. Non dovrà essere né troppo autoritario e quindi focalizzare solo su di sé l’attenzione, né troppo poco professionale e disinteressato al romanzo. Potrebbe infatti falsare il messaggio del manoscritto e condurre a sua volta gli ascoltatori al disinteresse.
  • Fornisciti di un tot di copie scritte. Il cartaceo è fondamentale in questi eventi, per mostrare al pubblico nel concreto la propria opera.
  • Sponsorizza Il ritrovo sui vari social, diffondendo il più possibile la notizia. Nel presentare l’evento e il romanzo, sii il più chiaro e accattivante che puoi.
  • Valuta l’opzione di coinvolgere associazioni e scuole, per permettere al tuo libro di circolare ed approdare anche in altri ambienti.

Ovviamente, l’esito del tutto è sempre un po’ un tabù, ma l’evento vi permetterà comunque di conoscere molte persone, stimolare nuove idee, entrare a contatto con altri artisti e, chissà, sviluppare una collaborazione fruttuosa.

Infine, non aspettatevi il successo dopo uno schiocco di dita. Non sempre un romanzo diventa famoso, altrimenti ci sarebbero un milione di scrittori da Nobel al mondo! Tuttavia, la soddisfazione di vedere pubblicate le proprie fatiche sotto forma di romanzo è un’enorme gratificazione. Concentratevi non sul conquistare fama ma sull’essere felici del vostro lavoro e della possibilità che altre persone possano trarre emozioni dalle vostre parole.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *