10 competenze procurement: come valutarle?

Per Direzione Procurement di una società si intende un sistema in grado di fornire un netto valore aggiunto a tutti i comparti, su più livelli differenti.

Lo scopo è quello di aumentare il valore del prodotto, utilizzando sia delle competenze hard che soft, così da portare l’azienda ai vertici del mercato, battendo l’agguerrita concorrenza.

È necessario in tal senso che il responsabile riesca a coordinare correttamente tutte le operazioni sia all’interno ma soprattutto con l’esterno, poiché solo in questo modo si otterrà un risultato di crescita netto e visibile sotto tutti i punti di vista.

Il Procurement deve essere stabilito secondo una serie di parametri ben definiti, dove ogni funzione sia calcolata secondo queste variabili:

  • Descrizione
  • Definizione
  • Scala di misura
  • Contributo alla missione
  • Livello di ogni ruolo all’interno della Funzione.

Ogni elemento all’interno dell’azienda, che sia un semplice impiegato o un funzionario del quadro dirigenziale, deve prendere coscienza di quella che è la propria funzione all’interno dell’ambito lavorativo e operare con dedizione per raggiungere il proprio obiettivo finale.

Solo attraverso la collaborazione sarà possibile crescere a livello globale e imporsi nei primi posti del mercato.

Una figura decisamente essenziale in tal senso è quella del To Manager, che valuta i profili di tutti i suoi sottoposti decidendo quali sono quelli maggiormente idonei all’attività di Recruiting, superando i classici buyer che non possiedono alcuna competenza specifica e si muovono a livello di autodidatta senza apportare molto all’azienda nella quale lavorano.

Le competenze necessarie

Hard

– il procurement deve possedere la giusta conoscenza dei processi che deve gestire, così da poter definire le varie mansioni da affidare alla forza lavoro e consentire lo svolgimento del lavoro;

– saper ottimizzare i costi e confrontare le varie possibilità, così da permettere che le uscite siano inferiori alle entrate;

– conoscere adeguatamente il mercato e operare secondo le corrette strategie di marketing che possano incentivare la posizione della società;

– saper rendere oggettive le situazioni, parlandone in maniera corretta sia con l’interno che con l’esterno, in modo da instaurare una comunicazione chiara e proficua;

– negoziare alzando sempre il livello e non abbassarsi a quelle che sono le richieste delle terze parti, cercando di far uscire l’impresa nel migliore dei modi.

Soft

– mantenere autorevolezza e credibilità in tutte le relazioni, ottenendo il rispetto delle varie componenti;

– farsi seguire con una leadership non basata sulla paura ma sulla trasmissione del proprio carisma;

– comunicare con assertività per evitare ogni genere di fraintendimento del messaggio;

– mostrare resilienza e capacità di mutare quando la situazione è soggetta a cambiamento, così da ottenere sempre risultati di pari livello;

– usare la propria creatività per proporre sempre soluzioni originali all’altezza delle aspettative, in modo da stupire la concorrenza.

Come acquisire le giuste competenze?

Il procurement che desidera fare carriera in tal senso deve seguire essenzialmente 3 step principali:

– acquisire consapevolezza e far riconoscere il modello atteso e il suo posizionamento al momento;

– ottenere tutte le competenze e le conoscenze mancanti attraverso un percorso di formazione preciso;

– applicare quanto appreso per creare soluzioni nuove e maggiormente efficaci.

Utilizzare i giusti strumenti

Per ottenere i risultati sopra citati è necessario servirsi della strumentazione migliore, come Cegos, in sistema di aiuto alle aziende che si occupa di:

– Assessment: fornire un modello da seguire;

– Training: istituire corsi di formazione idonei per queste figure;

– Coaching: ideare progetti pilota per avviare al meglio gestioni complete di questo genere.

Acquisire questa tipologia di competenze non è sempre facile, in particolare se si vuole apprendere nel modo migliore in base alle proprie necessità. L’esperienza, e il rapporto con persone più esperte, sono senza ombra di dubbio due fattori che non possono essere dimenticati se si vuole acquisire queste competenze nel modo migliore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *