Burger King chiede ai suoi clienti di acquistare da Mc Donald’s

Che la pandemia di coronavirus stia cambiando le nostre abitudini di consumo è un dato di fatto. Il COVID-19 ha costretto bar e ristoranti a chiudere, alcuni temporaneamente mentre altri purtroppo hanno chiuso i battenti per sempre. I suoi effetti hanno raggiunto anche le grandi catene di fast food. E uno di loro, Burger King, ha saputo approfittare di circostanze difficili per mostrare eleganza e solidarietà con l’intero settore.

Nello specifico, l’azienda nordamericana ha incoraggiato i propri clienti ad acquistare dal suo rivale più incallito: McDonald’s . E’ stata una mirabile strategia di marketing o davvero un messaggio sincero e fraterno nei confronti dell’acerrimo competitor? Probabilmente entrambe le cose. Ma l’importante è che in poche ore il nome di Burger King sia stato sulla bocca di mezzo mondo. Sarà necessario vedere se funzionerà davvero ma di certo ha fatto notizia.

“Fai ordini da McDonald’s. Non abbiamo mai creduto che ti avremmo chiesto di farlo come non avremmo mai pensato che ti avremmo incoraggiato a ordinare da KFC, Subway, Domino’s Pizza, Pizza Hut, Five Guys, Greggs, Taco Bell, Papa John’s, Leon o qualsiasi altro punto vendita di cibo indipendente”. Questo il messaggio pubblicato dall’account britannico della popolare catena di fast-food.

Empatia e solidarietà

Il contenuto del messaggio è chiaro. Anche i ristoranti che sono in concorrenza con Burger King hanno le loro stesse difficoltà. Il coronavirus non fa distinzione tra marchi e colpisce tutti indiscriminatamente, attacca il settore della ristorazione così come tutti gli altri settori già in crisi ed una lotta comune senza vincitori né vinti: o si vince o si perde ma tutti uniti. “I ristoranti stanno lasciando a casa molti dipendenti e in questo momento hanno bisogno del tuo sostegno”, dicono.

La seconda ondata della pandemia ha colpito il Regno Unito così come il resto del mondo causando la chiusura anticipata dei bar e ristoranti. L’unica strada per continuare a sostenerli è quella di affidarsi al delivery.

E Burger King ha approfondito quest’ultima possibilità: “Se vuoi aiutare la ristorazione, inizia a ordinare cibo a casa”, chiede. E per concludere il messaggio intelligente, niente di meglio che spazzare via la tensione e le rivalità con un po’ di umorismo: ” Ordinare un Whopper è sempre l’opzione migliore ma anche ordinare un Big Mac non è poi così male “.

Perché Burger King consiglia di ordinare da Mc Donald's: messaggio social

Una strategia intelligente

La verità è che l’uso dei social network da parte di Burger King è da tempo un successo, sempre attenta all’attualità degli eventi.

In Spagna, ad esempio, fu famoso il suo messaggio dopo che l’allenatore di calcio spagnolo Julen Lopetegui fu licenziato pochi giorni prima dei Mondiali 2018.

Burger King scrisse su Facebook: “Sappiamo quanto sia difficile tornare a casa e trovare il frigorifero vuoto. Julen, ti aspettiamo a casa. Hai un ordine gratuito quando torni dalla Russia ”.

La velocità, la capacità di adattarsi a una situazione e il senso dell’umorismo sono state le armi più preziose. Molte volte sviluppare una buona campagna social può rendere più che una campagna pubblicitaria ben radicata e martellante sui cartelloni e in televisione.

La viralità che l’azione di Twitter ha acquisito in questa occasione chiedendone l’acquisto da McDonald’s ci lascia d’ora in poi un’altra lezione di business: stringere la mano (o meglio sbattere il gomito in tempi di pandemia) è sempre una strategia più intelligente piuttosto che rifilare un qualsiasi tipo di colpo basso alla concorrenza.

Fermo restando, infatti, che chi era cliente di Burger King continuerà a preferire quel fast food a Mc Donald’s e viceversa. Però il messaggio ha avuto una portata pazzesca e ha consentito al popolare marchio di fast food di ottenere parecchi consensi e simpatia da parte di tutti.

Magari non mangerete comunque da Burger King ma vuoi mettere la genialità dell’invito ad essere solidali con tutti e ordinare da mangiare per salvare la ristorazione? Chapeau.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *